Aggiornamenti normative

Modifiche alle normative del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio

Il cosiddetto "Decreto sviluppo" (decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70 convertito nella legge 12 luglio 2011, n. 106, in particolare all’art. 4 comma 16), introduce modifiche al dettato del Codice, segnatamente agli articoli 10, 12, 54, 59 e 67, per quanto riguarda la semplificazione dei procedimenti amministrativi relativi ad interventi edilizi.

 Per un commento, leggi qui

 ____________________________________________________________________________________________________

 

LEGGE 6 novembre 2012 , n. 190
Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità' nella pubblica amministrazione.

Testo integrale normativa

_____________________________________________________________________________________________________

 

Accordo con il Ministero sui vincoli paesaggistici

Soddisfazione della Regione Toscana e del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac) per avere sottoscritto la prima intesa a livello nazionale sulla "vestizione" dei vincoli paesaggistici, vale a dire su disciplina d'uso e prescrizioni delle aree vincolate per decreto. Come hanno sottolineato insieme l'assessore regionale al governo del territorio Anna Marson, il direttore generale per il paesaggio, le belle arti, l'architettura e l'arte contemporanee del Mibac Maddalena Ragni e Isabella Lapi, direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici della Toscana, si tratta di una «importante anticipazione del Piano paesaggistico che offre certezze rispetto alla disciplina dei vincoli nell'espressione dei diversi pareri nell'ambito della pianificazione e dei procedimenti autorizzativi. E che fornisce a progettisti e cittadini un riferimento più chiaro su ciò che è attuabile all'interno delle aree vincolate in quanto beni di notevole interesse pubblico». Insomma, si tratta di un passo importante sulla via della semplificazione. Numerose le aree interessate in città e provincia. A Pisa tutte le zone verdi all’interno della mura urbane del Comune; la zona del viale Gabriele D’Annunzio, il Lungarno della città, piazza Santa Caterina, la zona delle Piagge, quella circostante la chiesa di San Piero a Grado, la zona e il viale delle Cascine, le zone adiacenti alle mura urbane, la zona sul lato sinistro del viale Pisa-San Giuliano. E ancora: a San Giuliano Terme le zone di Tombolo, San Rossore e Migliarino; la località di Cerasomma, frazione di Ripafratta, le zone adiacenti all’acquedotto mediceo, la zona sul lato sinistro del viale Pisa-San Giuliano Terme. A Calci la zona del Monte pisano comprendente anche la località San Bernardo, la zona della Verruca, la zona circostante la Certosa di Calci, le zone comprendenti gli abitati di Calci, Castelmaggiore. A Vecchiano le zone delle terme. La firma dell’accordo è frutto di un lavoro durato mesi per disciplinare i vincoli sugli immobili e le aree di notevole interesse pubblico (ex art. 136 del Codice dei beni culturali e del paesaggio) - pari a circa il 20% del territorio regionale - che costituiscono parte integrante del Piano paesaggistico.
(da “Il Tirreno” del 25/10/2012)

______________________________________________________________________________________________________

 

LEGGE 24 giugno 2013, n. 71
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 26 aprile 2013, n. 43, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell'area industriale di Piombino, di contrasto ad emergenze ambientali, in favore delle zone terremotate del maggio 2012 e per accelerare la ricostruzione in Abruzzo e la realizzazione degli interventi per Expo 2015. Trasferimento di funzioni in materia di turismo e disposizioni sulla composizione del CIPE.
(GU n.147 del 25-6-2013)


(( Art. 7-bis Rifinanziamento della ricostruzione privata
nei comuni interessati dal sisma in Abruzzo
3. A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, le misure dell'imposta fissa di bollo attualmente stabilite in euro 1,81 e in euro 14,62, ovunque ricorrano, sono rideterminate, rispettivamente, in euro 2,00 e in
euro 16,00.

______________________________________________________________________________________________________________ 

 

"Linee guida in materia di trattamento di dati personali, contenuti anche in atti e documenti amministrativi, effettuato per finalità di
pubblicità e trasparenza sul web da soggetti pubblici e da altri enti obbligati"
(Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 134 del 12 giugno 2014) 

vedi testo integrale