I restauri di opere di età Lorenese

Uno dei tanti progetti che la Soprintendenza coltivava negli anni Ottanta era dedicato al Settecento pisano, un periodo tanto ricco e fecondo quanto negletto allora dagli studi e ignorato dal turismo -basti pensare che nelle guide più diffuse mancava ogni accenno perfino ai più grandi cicli decorativi.

A fronte dei molti temi studiati e dei molti restauri programmati poche erano però le realizzazioni possibili con i mezzi a disposizione: una prima catalogazione delle decorazione parietali di chiese e palazzi, il restauro centellinato nell'arco di molti anni di alcuni dei complessi più prestigiosi.

Il felice convergere in un unico obiettivo di forze diverse rese però possibile capovolgere la situazione: a partire dal 1990 si sono susseguiti pubblicazioni mostre e restauri, in un crescendo di approfondimenti e di ricerche che hanno coinvolto un sempre maggior numero di studiosi, grazie alle ricerche condotte da funzionari della soprintendenza accanto a Roberto Paolo Ciardi e al gruppo di studiosi attorno a lui raccoltisi, alla sensibilità della Cassa di Risparmio che si avviava in quell'attività di recupero del patrimonio artistico pisano poi continuata dalla Fondazione, all'accresciuta fiducia e generosità dei privati, all'inserimento dei restauri del patrimonio artistico nella sfera di competenze del Fondo Investimenti Occupazione cui conseguirono i primi cospicui stanziamenti

In questi ultimi anni poi numerosi sono stati i restauri e i ritrovamenti di decorazioni di età lorenese nei palazzi pisani che, con la riscoperta dei raffinati trattamenti riservati ai prospetti degli edifici religiosi (come nel caso della Chiesa di San Silvestro), ci aiutano a ricomporre quel quadro di estrema eleganza e di rigore formale che spesso potevamo solo intuire dalle riproduzioni d'epoca.

 Il restauro dei dipinti

La raccolta della Venerabile Arciconfraternita della Misericordia

La collezione della Fondazione Cassa di Risparmio di Pisa

Opere lorenesi nel Museo di Palazzo Reale

La collezione Ceci

I "quadroni del duomo": copie e modelli

Per la consultazione del restauro dei dipinti nel sistema informativo Sicar, vedi la guida. Se non si visualizzano sul proprio computer le immagini, occorre installare il plug-in Adobe SVG Viewer.
Clicca sull'icona sottostante per effettuare gratuitamente e in pochi secondi il download

Il restauro degli affreschi